Iotto: un viaggio nei sapori autentici del Lazio a pochi minuti da Roma

Iotto è uno di quei posti che ti fa capire chi sono i tuoi veri amici. Si, perché Iotto te lo tieni per te, non lo racconti a tutti, per paura di snaturarlo. Lo racconti solo agli amici, quelli veri. Che ti ringrazieranno per sempre.

Iotto, a Campagnano, è come il nero, sta bene con tutto. Adatto per una cena tra amici, perfetto per una cenetta di coppia, calzante per una festa di compleanno in famiglia. 

E’ un posto talmente perfetto che ogni volta che ci vai hai paura che sia cambiato qualcosa, che si sia alterato quell’equilibrio prezioso e delicato. Ma poi alla fine trovi sempre lo stesso Iotto.

Lo stesso Iotto che ha quell’atmosfera informale ma sofisticata ormai inedita in città, che ha quei sapori sempre nuovi e naturali, con ricette geniali e ben fatte. Lo stesso Iotto in cui trovi vini di cui poi ordini casse, e da cui vai via sempre con l’ultimo sorriso per un conto quasi ridicolo.

Immaginatevi i vostri posti preferiti a Roma in un posto nuovo, senza problemi di parcheggio, senza traffico, con prodotti chilometro 0, presidi Slow Food e con prezzi molto più bassi. Ecco, Iotto potrebbe essere quel posto.

Nel cuore di Campagnano, comodo per arrivare da Roma in pochi minuti, comodo per farsi una passeggiata digestiva in un centro storico mai visto, con una bella chiesa del ‘400 e una fontana portata da Roma. Iotto è in un’unica sala, con pochi tavoli, con il soffitto basso, una specie di cantina con la giusta luce, che fa un po’ antica osteria un po’ ristorante gourmet.

Il menu lo cambiano spesso, ma è sempre composto da ricette della tradizione romana, a volte rivisitate, con materie prime di ottima qualità. A pochi metri dal ristorante Iotto ha un’altra vetrina, che è solo enoteca, dove si può andare a dare un’occhiata e scegliere il proprio vino dalle innumerevoli bottiglie esposte. Peraltro una sala che si può affittare privatamente, rimanendo da soli con la cameriera che arriva solo per voi. Per non far mancare nulla all’ “esperienza Iotto”. Ma non lo dite a troppa gente.

Leave a Reply

Your email address will not be published.